FEDERAZIONE
ITALIANA
SINDACATI
INTERCATEGORIALI
Sede Provincia di Salerno
Via Ceffato n 127, 84025 Eboli (SA)
seguici su:
Sede Regione Campania
Vai ai contenuti

TUMORI: IN CAMPANIA NULLA DI PREOCCUPANTE, CI PENSA SAN VICIENZO D'ARECHI

Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali
Pubblicato da in NOTIZIE ASL SALERNO · 12 Ottobre 2018
In Campania , dove per curare un disabile ci deve essere una compatibilità di "cassa", dove una autoambulanza per giungere sul luogo del soccorso impiega molto più dei 20 minuti previsti dalla media nazionale, si è - però - all'avanguardia nella cura dei tumori ( fonte https://napoli.fanpage.it/de-luca-il-tumore-una-malattia-sgradevole-ma-curabile/ ) e si fanno veri e propri "miracoli" . A darne notizia è , nientedimeno, il Presidente della Regione Campania nonchè commissario ad acta per il piano di rientro dal deficit sanitario Vincenzo De Luca nei panni di "San Vicienzo D'Arechi" che ha definito i tumori come una patologia che si può assolutamente curare ed ha dichiarato "Io vado ripetendo che ormai i tumori sono una patologia, una malattia assolutamente curabile" Milioni di euro di pubblicità, pubblicisti e psicologi per spiegare che "il tumore non fa rumore" in quanto subdolo e con assenza di sintomatologia , sono andati in fumo grazie al fatto che in Campania si fanno miracoli...... Ma "San Vicienzo D'Arechi" chiosa e conclude : "Sdrammatizziamo anche la parola: il tumore. È una malattia". Con lui ed il P.D. che egregiamente rappresenta al Governo siamo tutti più tranquilli ed aspettiamo "o miracolo" di San Vicienzo D'Arechi che con una benedizione e tre parole (malattia assolutamente curabile) ha fatto sparire dal vocabolario campano la parola "Tumore". A che serve studiare e ricercare cure ...da oggi in Regione campania abbiamo "San Vicienzo D'Arechi"...Poveri noi , qualcuno gli faccia un Trattamento Obbligatorio Sanitario  prima che , con identiche modalità di cura, faccia sparire le parole come infarti, ictus e quant'altro dal vocabolario medico....sai quanto si risparmierebbe?  






Torna ai contenuti