FEDERAZIONE
ITALIANA
SINDACATI
INTERCATEGORIALI
Sede Provincia di Salerno
Via Ceffato n 127, 84025 Eboli (SA)
seguici su:
Sede Regione Campania
Vai ai contenuti

RETE I.M.A. PROVINCIA DI SALERNO: TUTTO DA RIFARE.

Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali
Pubblicato da in NOTIZIE ASL SALERNO · 4 Dicembre 2016
[image:image-0]
Tutto da rifare per ciò che attiene alla rete I.M.A. (Infarto Miocardico Acuto) in provincia di Salerno. Come denunciato dalla nostra sigla sindacale la fretta di partorire reti di assistenza e percorsi di cura ha "inciampato" proprio a Roccadaspide, dove si sono mostrate tutte le pecche di un Piano Ospedaliero e di un Atto Aziendale fallito prima dell'attuazione. Passando da un'ottica tesa al risparmio , ad un'ottica di costruzione di piani ospedalieri fatti con "il compasso" ignorando i tempi di percorrenza per il filtro dei pazienti al livello assistenziale appropriato significa esporre la vita degli utenti al rischio di morte. Con la delibera n 209 del 22/11/2016, il dott. Giordano manager dell'ASL SALERNO ( a sinistra nella foto) ed il dott. Cantone manager dell'A.O. di SALERNO ( a destra nella foto) hanno concordato un protocollo condiviso sulla partenza della rete I.M.A. non tenendo presente che il P.O. di Roccadaspide è lontano più di un'ora dal primo Presidio di Base (Eboli) e più di due ore dal DEA di I° livello. Tutto da rifare ora e non bastano le rassicurazioni concesse al Presidente del Comitato Civico dell'Ospedale di Roccadaspide ( dott. Francione), al quale è stato garantita una ambulanza attrazzata di tipo "A" H 24  in Ospedale. Il Responsabile della FISI/FIALS Rolando Scotillo, amaramente dichiara: "Il dott. Giordano aveva promesso  al Comitato per la tutela della salute di Eboli ( Presidente Rosa Adelizzi) un Pediatra di guardia H 12 nel Presidio di Eboli, stiamo ancora attendendo. Non vorrei sconfortare l'amico Francione , ma di buone intenzioni sono lastricate le vie dell'inferno nel mentre il dott. Giordano - passo per passo - sta applicando l'infame DCA n 33 (Piano Ospedaliero Campano). Avevamo chiesto , in una nota specifica, al dott. Giordano in isorisorse di organizzare con il personale già esistente di rianimazione e di pronto soccorso in forza all'Ospedale di Roccadaspide un trasporto protetto del paziente con S.T.E.M.I. direttamente dall'Ospedale per il centro HUB di riferimento, la risposta è stata quella di organizzare una ennesima ambulanza di tipo "A" su cui , evidentemente non calcolato, necessitano n 6 Medici Rianimatori e 12 Infermieri aggiuntivi. Le parole di Giordano potrebbero rappresentare l'ennesima promessa non mantenuta di Pinocchio . Noi non ci fermiamo, il 25 di gennaio si discuterà il ricorso al TAR sul Piano Ospedaliero intanto valuteremo di impugnare anche questa ennesima delibera di applicazione di un Piano Ospedaliero che al territorio della Valle del sele e del calore proprio non piace."  



Torna ai contenuti