FEDERAZIONE
ITALIANA
SINDACATI
INTERCATEGORIALI
Sede Provincia di Salerno
Via Ceffato n 127, 84025 Eboli (SA)
seguici su:
Sede Regione Campania
Vai ai contenuti

REGIONE CAMPANIA NESSUN PREMIO PER GLI INFERMIERI ED I MEDICI EROI....

Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali
Pubblicato da in NOTIZIE ASL SALERNO · 22 Giugno 2020
In tutte le Regioni di Italia è stato previsto un premio per chi, operatore sanitario pubblico esposto al rischio COVID, non si è sottratto ai propri doveri. In tutte le regioni tranne che in Campania, dove Vincenzo De Luca (Presidente della Giunta della Regione Campania), pur prevedendo 3 milioni di euro per mascherine inutili alla popolazione (totalmente inefficaci) lasciando , invece , gli operatori sanitari senza Dispositivi di Protezione adeguati e  20 milioni di euro  per Prefabbricati ora transennati (giù in foto)


ora nega agli Operatori sanitari campani un giusto riconoscimento economico differenziandosi dalle altre Regioni.....ultimi anche in questo....altro che mai più ultimi.... Dal 2010 ad oggi non un euro è stato riconosciuto come produttività al personale di Comparto ed i fondi dei dipendenti (fondi di diritto, bada bene, e non di piacere)  sono stati “sequestrati” dalle ASL Campane  e considerati risparmio di gestione. Ma per gli amici i soldi si trovano sempre… e pure senza giustificare....E' questo l'esempio della ex first lady di De Luca , la Sociologa Zampetti Maria Rosaria, già più volte sotto i riflettori per diverse vicende. Infatti La dott.ssa Zampetti, Responsabile della UOSD Promozione della Salute, finì sulle cronache locali poiché - a Nocera Inferiore - la sua sede operativa era composta da quasi sei stanze per una struttura che sostanzialmente non aveva nessun dipendente al suo servizio. Qualche tempo dopo la ASL SALERNO stanziò oltre 42.000 euro per riqualificare una parte della struttura di via Nizza per allocarci così lo spazio adolescenti di cui è ella stessa responsabile (Fonte “Le Cronache”). A destare qualche dubbio, ora, ci pensa una determina che porta la sua firma come referente che liquida al personale della ASL di SALERNO (una parte residuale) circa 280.000 euro, con Determina n 19787 avente ad oggetto  “LIQUIDAZIONE LINEA PROGETTUALE 6/118 PROGRAMMA D "STAR BENE A SCUOLA - VERSO LE SCUOLE PROMOTRICI DI SALUTE" - ANNI SCOLASTICI 2017/2018 e 2018-2019.
Gli emolumenti liquidati al personale, che dovrebbero riguardare circa cento operatori, verranno corrisposti ai partecipanti mediante una “autocertificazione” per gli interventi effettuati dagli stessi sul progetto.
Ai sensi dell’art. 10 del regolamento “sulla gestione e attuazione di progetti finanziati con risorse vincolate” della ASL di SALERNO, le attività progettuali per il personale di Comparto devono sempre essere svolte al di fuori del normale orario di servizio mediante l’attestazione oraria che avverrà con timbratura del badge in entrata ed in uscita. Proprio non si riesce a comprendere come mai l’attestazione oraria necessaria per il progetto, diventi poi “autocertificazione” di eventuali servizi prestati al di fuori dell’orario di servizio. Ma a finire sotto accusa sono anche tutti i fondi vincolati, regionali e non, a progetti incentivanti per il personale dipendente che la ASL di SALERNO “sottrae” ad ogni forma di confronto o controllo della RSU Aziendale e delle O.O.S.S. che vengono regolarmente escluse da ogni partecipazione attiva. Pertanto, unilateralmente, la ASL sceglie Dirigenti e personale dipendente su cui far confluire tali fondi in una ottica di assoluta mancanza di trasparenza premiando “amici” ed “amici di amici”. “Al tempo del COVID, ai Medici ed agli Infermieri definiti eroi, la Regione Campania e De Luca non riconoscono un euro in più per il lavoro svolto. È imbarazzante, però, che la ex first lady di De Luca riconosca - proprio in tempi di COVID – una media di circa 3.000 euro per dipendente senza la rituale rendicontazione oraria. Che sia un altro modo per premiare solo gli amici?” dichiara Rolando Scotillo della FISI.



Torna ai contenuti