FEDERAZIONE
ITALIANA
SINDACATI
INTERCATEGORIALI
Sede Provincia di Salerno
Via Ceffato n 127, 84025 Eboli (SA)
seguici su:
Sede Regione Campania
Vai ai contenuti

REGIONALI CAMPANIA 2020.....SI PUO' FARE.

Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali
Pubblicato da in NOTIZIE ASL SALERNO · 26 Gennaio 2020

Molti domandano se alle prossime elezioni regionali per il rinnovo del consiglio regionale della Regione Campania sono tra i candidati.
A guardarsi bene intorno, negli ultimi tempi, sembrerebbe proprio che chiunque - ma proprio chiunque - può ambire a candidarsi in Regione, ma anche al governo.
Vedendo i risultati, poi, viene quasi da piangere se - agli slogan elettorali - confrontiamo i risultati ottenuti. La Regione Campania è un esempio : "mai più ultimi.."  tuona DE LUCA premier regionale eletto nelle liste del Partito Democratico che nei fatti ha collocato al penultimo posto in Italia la Regione Campania per sistema sanitario. E che dire dei suoi "delfini" a comando della sanità campana ( Postiglione - già commissario asl salerno - e Lucio Podda) ora indagati per corruzione, induzione indebita a dare o promettere utilità ed abuso d'ufficio: fritture di pesce a volontà! La sanità campana che vale più del 60% del budget finanziario della Regione Campania offre molte opportunità con le esternalizzazioni selvagge (Ausiliariato e pulizie, ma anche multiservizi tecnologici) dal valore di centinaia di milioni di euro per ciascuna ASL e con la possibilità di assumere amici ed amici di amici senza alcun controllo e con la Magistratura amica: questa è la sinistra e questi i sinistroidi! E che dire dei dipendenti della sanità pubblica ed accreditata....massacrati dal piano di rientro dal deficit sanitario con il quale si è risparmiato sui dipendenti , annullando le assunzioni nel pubblico, e regalando soldi suonanti ai datori di lavoro privati "amici" non attivando alcun controllo sulle dotazioni di personale previste dalla legge regionale per essere accreditati. Dal 2010 fino al 2015 , solo ai dipendenti della Regione Campania, tutta la parte variabile dello stipendio degli Infermieri e dei dipendenti di Comparto è stato "sequestrata" dalla Regione e considerata risparmio di gestione (circa 5.000 € a testa). Insomma è stata una vera "caporetto" per la politica e per la sinistra. Ma la domanda è una sola: chi verrà , sarà all'altezza? Si risparmierà sempre e solo sui dipendenti  e sui servizi e sull'utenza, si continuerà ad esternalizzare servizi ed a privatizzare per fare spazio ai "soliti amici", o ci sarà un cambio passo?.... Tutto dipenderà dal voto: votare per persone  o partiti che perseguono interessi privati o di gruppo significherà sforare bilanci ed aumentare costi ed abbassare condizioni di lavoro e di paga agli operatori; votare persone perbene e che perseguono un interesse collettivo potrà portare solo che benefici a tutti, operatori compresi.
La sfida è lanciata!
Per una sanità equa, solidale. Per una sanità con costi giusti per la collettività . Per una sanità prevalentemente pubblica e per una sanità accreditata che completi l'offerta pubblica, senza sfruttamento degli operatori con parità di paga e di contrattazione. Per una sanità effettivamente efficace e funzionale che curi le malattie e non i portafogli.....Io ci sono, ufficialmente avvio una consultazione per la candidatura alle Regionali 2020 della Regione Campania con due paletti: mai con De Luca , mai con la sinistra!
Ora vediamo quante persone vogliono veramente cambiare la sanità nella Regione Campania... apro ufficialmente la consultazione per la costituzione di un comitato elettorale provinciale formato da almeno un componente per singolo Comune nell'ambito della provincia di Salerno....Ci siete? fatemi sentire e datemi la vostra disponibilità....ora, o mai più !   



Torna ai contenuti