FEDERAZIONE
ITALIANA
SINDACATI
INTERCATEGORIALI
Sede Provincia di Salerno
Via Ceffato n 127, 84025 Eboli (SA)
seguici su:
Sede Regione Campania
Vai ai contenuti

LA MADRE DEGLI IMBECILLI E’ DI NUOVO INCINTA…..

Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali
Pubblicato da in NOTIZIE ASL SALERNO · 2 Aprile 2020
Non smetterò mai di meravigliarmi di quanto la mente umana possa partorire in termini di scelleratezza, pressapochismo, egocentrismo e di mancanza del senso della democrazia….Qui vige l’undicesimo comandamento: comando io! Nessuno può parlare! A iniziare dal buon De Luca (governatore della Regione campania) , passando per Massimo Cariello (Sindaco di Eboli) ed arrivando ai loro accolitiche non perdono tempo ad infangare la rete senza vedere cosa hanno dietro e cercando, a tutti i costi, di metterti in mala luce per non farti parlare….. Iniziamo! Da De Luca che , buon Dio, è talmente democratico che fa ordinanze più restrittive rispetto a quelle del Presidente del consiglio dei Ministri per far vedere chi c’è la più duro, omettendo di dire che le sue ordinanze sono comunque nulle e dimostrando di non essere più democratico di un dittatore e che , pateticamente, è diventato “la barzelletta” d’Italia….Si preoccupa ora, dopo aver distrutto la sanità Campana, per la salute dei cittadini campani…ma fammi il piacere!! Ed ora arriviamo al “nostro” Sindaco, si, Massimo Cariello che definisce squallido qualcosa che non capisce  ma che vede come un pericolo , non per i cittadini, ma per sé! La vicenda nasce da una petizione lanciata dal sottoscritto…. Un sindaco ed un politico che quando si è trattato di difendere l’Ospedale di Eboli ha detto che il problema non era suo , tutto per non far dispiacere alla “famiglia De Luca” , forse alla quale anche in questo caso si è prostrato : un sindaco che non viene avvisato di una nuova attività sul territorio che può generare un possibile danno per i suoi cittadini e gli ospiti si impone, blocca tutto e poi, se si convince, da l’autorizzazione, non si “lamenta” semplicemente e non fa insorgere contro di lui la sua maggioranza, come spiegato nel video di replica alle offese ricevute da me clicca qui
Ma tornando alla “famosa” e “scomoda” petizione , caro Massimo Cariello , Sindaco di Eboli, il termine petizione (vedilo su wikipedia) ha come significato “una richiesta ad un'autorità - generalmente governativa - o a un ente pubblico. Nel linguaggio colloquiale, una petizione è un documento sottoscritto da uno o più individui e indirizzato a un ente pubblico o privato.” , una semplice richiesta da parte di cittadini che “chiedono” e non impongono. Nella petizione, in maniera chiara, si spiegava che 32 pazienti provenienti da una RSA di Sala Consilina risultati positivi al COVID19 venivano trasferiti al Campolongo Hospital , dove proprio sulla gestione di una paziente COVID19 si erano creati grossi problemi di gestione, dove erano stati segnalati anche casi di mancanza di dispositivi di protezione individuale segnalati all’Ordine degli Infermieri di Salerno. Tant’è che , Cosimo Cicia, Presidente di tale Ordine con una dura nota riteneva che il personale non fosse formato adeguatamente e che gli avevano segnalato anche una mancanza di dispositivi ed una inadeguatezza del sistema. Perché non si era studiato una alternativa al ricovero coatto , come ad esempio mettere sotto tutela della ASL la struttura sanitaria (non una casa privata , ma una Residenza sanitaria assistita) e provvedere direttamente in loco alle esigenze dei pazienti? Perché , tutto di un tratto ed in maniera accellerata, si è scelta una struttura che lo stesso Presidente di Giunta della Regione aveva apostrofato “vergognosa nella gestione”? quando a dare la disponibilità era stata una serie di strutture sanitarie……
Perché deportare degli anziani , come denunciato dal figlio della prima vittima  ( clicca qui ) La richiesta che veniva fatta nella petizione era giustamente preoccupante: se nel primo caso è successo l’ecatombe , con 32 casi che cosa può succedere? Atteso il fatto che una petizione è un semplice esercizio di democrazia per “sondare” come è orientata una popolazione e non ha niente di scandaloso o di vergognoso anche perché non può determinare le scelte che , comunque, sono state fatte e si stanno dimostrando scellerate, se non criminali. E , invece giù di brutto, il Sindaco  definisce la petizione “scandalosa” , una pseudo responsabile di Lega Ambiente , addirittura, chiede di bloccarla ( e chi è il padreterno? ) , profili fake fatti ad arte che la contestavano, post a favore della petizione eliminati per far capire che c’erano solo pareri negativi, persone sconosciute che la inviavano da tutte le parti perché era “razzista” ed il Sindaco che proclamava che Eboli è ed ed è stata sempre solidale. Ma come? Poco prima ti lamentavi di non essere stato avvisato e poi sei in accordo? Qualche cosa non va e non abbiamo l’anello al naso. Comunque , nei vari attacchi dei post, abbiamo più e più volte chiarito che gli anziani andavano assistiti con l’aiuto della ASL nella propria struttura, poiché si trattava di pazienti affetti da demenza senile e da morbo di alzhaimer che come è universalmente riconosciuto sono talmente legati al loro ambiente che se trasferiti possono essere sottoposti ad uno stress letale… e , finora , in tre giorni già contiamo tre morti…….Nulla di scandaloso, quindi, nell’intento della petizione, come nulla di scandaloso vi è stato quando si è impedito il rientro delle persone dalla Lombardia e da altri Comuni per non infettare e non essere infettati. Ma di buon grado, dove erano questi buonisti quando è stato impedito a queste persone il rientro? Perché non hanno gridato allo scandalo o al razzismo? E che significa , che se lanciamo una petizione popolare per il rientro di tutte queste persone chi non firma è razzista? Se è questo che pensate o siete fuori di testa o siete in malafede….c’è poco da dibattere…..Ma poi è successo quello che non doveva succedere, all’indomani del trasferimento un paziente è deceduto, ed il giorno dopo un altro ancora…... e un altro ancora.....Non dopo 10 giorni…..e su questo altre polemiche….e’ chiaro che a causare il decesso non è colpevole Campolongo Hospital – e chi ha detto mai questo – ma qualche domanda me la farei … se i pazienti erano “stabili” come dichiarato dal rappresentante della Giunta regionale campana (Coscioni n.d.s.) e dalla ASL, due sono le cose o , il paziente, è morto per cause naturali o per altra patologia o è morto per lo stress come affermato prima del trasferimento nei post da me… ed è molto difficile che 3 (dico 3) morti avvengano quasi simultaneamente per eventi naturali  , ma questo non lo possiamo dire ed occorrerebbe una autopsia per chiarirlo, non siamo giudici e non è compito nostro, nemmeno sostituirci ai familiari….ma un dubbio è lecito averlo o no? E invece no, sempre secondo questi signori si tratterebbe di sciacallaggio…..ma dobbiamo sempre vedere chi, in questa vicenda ha fatto sciacallaggio. A coronare la terna di “esemplari” , poi, si mette pure una sigla sindacale – la UIL – abbondantemente “sconsacrata” dal Blog di Massimo del Mese, giornalista serio e sempre imparziale visibile  qui (clicca sopra) “Riteniamo, per onestà intellettuale, intervenire e far sentire la nostra voce, in una vicenda, dove, forse troppa disinformazione è stata fatta, talvolta per mancanza di conoscenza della materia, talvolta per mero protagonismo, talvolta ancora per l’apparire a tutti i costi…..”  a parlare sono Antonio Malangone e Felice Vocca della UIL Sanità che sicuramente per il mestiere che fanno (uno amministrativo e l’altro portiere a fianco nell'immagine) capiscono più di chi nella sanità ha a che fare tutti i giorni con i pazienti…e che dire , se tutto era a posto perché è intervenuto – a loro posto – il Presidente dell’Ordine degli Infermieri a tutela dei dipendenti e cioè a fare quello che dovrebbero fare loro, invece di decantare le lodi della struttura… “..a suon di migliaia di euro a cranio”  esclama nell'omonimo blog Massimo del Mese… e come non condividerlo… “ e continuano su un altro sito “…….C’è da premettere che il Campolongo Hospital, ( e noi ne eravamo stati informati come Organizzazione Sindacale) da oltre 15 giorni, aveva attuato tutte le procedure di prevenzione del COVID – 19 ……” ma come da 15 gg… allora solo il “nostro Sindaco” , Massimo Cariello, non sapeva nulla? E allora , Sindaco, la prossima volta informati dalla UIL, se è così……il periodo ipotetico è , in questo caso, d’obbligo…. E chissà quale sarà il pensiero di “questi due scienziati”  della UIL dopo la morte di tre pazienti. No su tutte queste cose c’è puzza di bruciato, questo è il perché di tanto accanimento verso una petizione innocente che nulla voleva impedire , ma, capire semplicemente ed in modo democratico (ma queste persone sanno che è la democrazia?) cosa né pensasse la popolazione….Una cosa è certa , però, noi le cose le domandiamo alla popolazione , voi delle cose ne siete a conoscenza come dimostrato,  le imponete e poi fate finta di non esserne a conoscenza, siete semplicemente – come diceva Pirandello –  “..personaggi in cerca di autore…”, .......pessimi personaggi. La prossima volta, prima di incrociare persone perbene come noi, pensateci due volte , e poi, se non vi conviene ignorateci come noi facciamo con voi…. Rolando Scotillo (a fianco nella foto)



Torna ai contenuti