FEDERAZIONE
ITALIANA
SINDACATI
INTERCATEGORIALI
Sede Provincia di Salerno
Via Ceffato n 127, 84025 Eboli (SA)
seguici su:
Sede Regione Campania
Vai ai contenuti

ASL SALERNO, TASSA ISCRIZIONE ORDINE: IO NON PAGO!!

Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali
Pubblicato da in NOTIZIE ASL SALERNO · 22 Settembre 2019
Alla richiesta provocatoria della ASL ai dipendenti delle professioni sanitarie, con la quale si pretendeva specifica dichiarazione di responsabilità da parte del singolo dipendente sulla effettiva regolarizzazione dei pagamenti annuali agli Ordini professionali di appartenenza, la FISI risponde con una diffida a pagare il dovuto contro la ASL. Infatti , come anche dichiarato dal Segretario Generale della FSI/USAE Adamo Bonazzi,     la suprema corte di cassazione -  che trattava il caso di avvocati dipendenti della P.A. -  con sentenza 7776 del 2015 ha stabilito che: «quando sussiste il vincolo di esclusività, l' iscrizione all'albo è funzionale allo svolgimento di una attività professionale svolta nell'ambito di una prestazione di lavoro dipendente, pertanto la relativa tassa rientra tra i costi per lo svolgimento di dette attività che dovrebbero, in via normale, gravare sull'ente che beneficia in via esclusiva dei risultati di detta attività»  Nel ragionamento della Suprema Corte il riferimento è al contratto di mandato a mente del quale «il mandante è obbligato a tenere indenne il mandatario da ogni diminuzione patrimoniale che questi abbia subito in conseguenza dell’incarico, fornendogli i mezzi patrimoniali necessari». Per cui il pagamento della tassa deve gravare sul datore di lavoro e, se viene anticipato dal lavoratore, deve essere rimborsato dall’ente medesimo in base al principio generale applicabile anche nell’esecuzione del contratto di mandato.
La FISI/USAE ha predisposto apposita diffida da compilare a cura del dipendente Medico, Infermiere, Ostetrica, Tecnico sanitario di Radiologia e Laboratorio ecc. che essendo in regime provato di esclusività chiede il rimborso del dovuto e pagato. “All’autocertificazione richiesta dall’ASL, risponderemo con la richiesta di rimborso, chiunque la voglia effettuare potrà recarsi ogni pomeriggio in via Ceffato 127 ad Eboli dove verrà assistito nella compilazione e nell’invio alla ASL gratuitamente senza costi. Tale richiesta di rimborso sana l’obbligo a rispondere alla richiesta di autocertificazione della ASL.




Torna ai contenuti