FEDERAZIONE
ITALIANA
SINDACATI
INTERCATEGORIALI
Sede Provincia di Salerno
Via Ceffato n 127, 84025 Eboli (SA)
seguici su:
Sede Regione Campania
Vai ai contenuti

ASL SALERNO: PROVE DI ACCORDO

Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali
Pubblicato da in NOTIZIE ASL SALERNO · 4 Febbraio 2016

[image:image-1]Intensa trattativa, quella di oggi pomeriggio, tra le parti sociali e la Direzione Generale della ASL di SALERNO. Molti i temi trattati che alla fine hanno prodotto una ipotesi di accordo da ratificare ora solo in RSU . Uno dei temi più caldi è stata la riorganizzazione dei turni di lavoro operata unilateralmente dai Direttori Sanitari della ASL e su cui la nostra sigla ha diffidato (leggi qua) ogni singolo Direttore di struttura ivi compreso il Commissario dal proseguire nell'intento ed a riportare la questione a livello decentrato bloccando quanto finora fatto illeggittimamente dai singoli Direttori. Su tale argomento è stata accettata la nostra richiesta ed il Commissario ( vedi verbale in foto , al punto 1) ha disposto di addivenire ad una regolamentazione condivisa che troverà applicazione in tutte le strutture a far data dalla sottoscrizione. Saranno regolamentati tutti gli istituti contrattuali al fine di omogenizzare il trattamento economico su tutto il territorio. Sulla corresponsione della fascia economica a tutti i dipendenti aventi diritto ( coloro i quali sono inquadrati dalla fascia "0" alla "5") viene riconosciuta a far data dal 01 gennaio 2016 una progressione economica con attivazione di una sessione di bilancio tra le parti da concludersi entro il 31 marzo 2016 e con l'avvio delle procedure di selezione entro 5 giorni dalla sottoscrizione dell'accordo e secondo il regolamento sottoscritto in data 03 agosto 2015. "Possiamo ritenere" dichiara Rolando scotillo Coordinatore RSU della FIALS "questa preintesa  - da ratificare in RSU prima della definitiva sottoscrizione -  come l'inizio della ripresa di più corrette relazioni tra le parti e come la fine della anarchia gestionale dei Direttori delle Strutture periferiche della ASL che nel tempo hanno permesso troppe volte - con interpretazioni  di norme contrattuali molto discutibili - una differenzazione  del trattamento economico tra i  dipendenti dei diversi Presidi e Distretti della ASL. Dopo tante promesse, che sia la volta buona? "




Nessun commento
Torna ai contenuti