FEDERAZIONE
ITALIANA
SINDACATI
INTERCATEGORIALI
Sede Provincia di Salerno
Via Ceffato n 127, 84025 Eboli (SA)
seguici su:
Sede Regione Campania
Vai ai contenuti

A.O.U. DI SALERNO: INFESTAZIONE PIDOCCHI E' GIALLO.

Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali
Pubblicato da in NOTIZIE ASL SALERNO · 15 Settembre 2018
Il parlamentare Edmondo Cirielli presenta una interrogazione parlamentare al Ministro della Salute su un presunto caso di pediculosi nella U.O. di Anestesia e Rianimazione dell'Azienda Ospedaliera di Salerno, la Direzione del nosocomio smentisce on line: https://www.salernonotizie.it/2018/09/15/ospedale-ruggi-salerno-precisa-nessuna-infestazione-di-pulci/ .
Si infittisce il caso...La Direzione del Ruggi smentisce "Periodicamente, al fine di garantire l’igienicità degli ambienti interni, si procede alla disinfestazione e derattizzazione di quelli esterni in quanto l’ospedale è immerso in una zona campestre. Ultimamente, si è registrata la presenza di alcuni gatti, probabilmente appartenenti ad una colonia felina già segnalata al dipartimento di prevenzione dell’Asl, nelle aree strettamente viciniore al Reparto di Rianimazione. Pertanto, si è ritenuto doveroso procedere con urgenza alla sanificazione e bonifica preventiva di tutti gli ambiti adiacenti alla Rianimazione." . Solo che "la colonia di gatti" sembrerebbe essere vicina ai 400 e "la battaglia" con i pidocchi sembrerebbe durare già da 15 giorni: operatori con divise monouso, stanze cerottate ed in disinfezione, divani eliminati ed operatori con "strani morsi" sul corpo e sopratutto bocche cucite....la notizia sembrerebbe essere conosciuta da tutti nell'azienda ospedaliera salernitana, anche dai sindacati, ma nessuno parla."le procedure parlano chiaro, il caso doveva essere segnalato attraverso la scheda di notifica di malattia infettiva entro 24 ore. I pazienti , eventualmente, dimessi o trasferiti ed il reparto sanificato. Ciò non è stato. Stamane è stato segnalato il caso ai NAS di Salerno , attendiamo novità, intanto denunciamo l'esposizione dei degenti e degli operatori al rischio biologico e quello da agenti di disinfezione ed un pressapochismo della locale Direzione di presidio che andrebbe valutato dalla Direzione Generale" dichiara Rolando Scotillo della FSI-USAE.



Torna ai contenuti